Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
20 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

01.06.2018

Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza

La trafilatura della pasta
La trafilatura della pasta

La pasta fa parte della cultura italiana e gli italiani l’hanno fatta conoscere al mondo, tanto che non esiste altra parola per denominarla. Ma conosciamo davvero questo prodotto dell’ingegno italico, sulla nostra tavola dal XIII secolo? Occasione per saperne di più, la degustazione e analisi sensoriale condotta alla Cantina Zymè in Valpolicella da Massimo Mancini di Mancini Pastificio Agricolo, con sede sulle colline marchigiane, in provincia di Fermo. Si parte guardando tre diversi tipi di pasta, per capire come il colore più acceso sia quello della pasta industriale, deciso magari dalla sezione marketing. Quella dal colore meno acceso dovrebbe essere artigianale, più vicino, se ci pensate, al grano. Nella degustazione alla cieca di tre diverse tipologie di spaghetti, proprio quest’ultima è risultata di sapore più intenso. E l’avete mai toccata, la pasta? Più è industriale, più è liscia. «Ma non è detto che quella più ruvida e meno brillante, quella che definisco turistica, sia più buona», afferma Mancini. «Posso ottenere queste caratteristiche artigianali – la rugosità e il colore opaco, più bianco – con una diversa miscela di acqua e semola, e con diverse temperature di essiccazione». E allora cosa serve per capire che pasta stiamo mangiando? Al di là delle caratteristiche estetiche sono la tracciabilità, l’annata («Sì, come per il vino»), il metodo e le tecniche di lavorazione che fanno la differenza. Serve conoscere da dove viene la pasta – vi consigliamo di controllare in etichetta la provenienza del grano. Fate la prova a casa: noi abbiamo scoperto che mangiamo pasta con grano che viene dall’Arizona e dall’Australia. E questo apre un ampio capitolo su come viene coltivato, quel grano, come viene trattato in quei Paesi e così via. Per poter scegliere la pasta migliore, bisognerebbe – come per il vino, la carne, il latte, le uova… - conoscerne la… vita, dalla spiga alla tavola; quali certificazioni ha (come l’assenza di residui chimici) e come viene lavorato. La pasta è il prodotto che forse ci rappresenta di più al mondo e rappresenta una parte importante della nostra dieta. Troppo per lasciare che resti un semplice «portasugo». 

Giulio Brusati
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua