Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
21 novembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

17.08.2018

Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"

Anche un pranzo al sacco in spiaggia o in montagna ha le sue regole da seguire
Anche un pranzo al sacco in spiaggia o in montagna ha le sue regole da seguire

Fantasia e tanta educazione alimentare ed ecologica. Sono questi gli ingredienti del picnic bon ton in spiaggia sotto l’ombrellone, in montagna, al lago o in campagna, che tanto piace agli italiani in vacanza. Poche e semplici regole da tenere a mente per trascorrere un bel pranzo all’aria aperta, dalla preparazione a casa del menu leggero ma gustoso, all’allestimento. Stop, quindi, a piatti unti e ipercalorici: prediligere cibi monoporzione sottovetro, molto di moda quest’anno il «food jar» - ovvero il cibo in appositi barattoli - e bandire piatti dagli odori troppo intensi. Bene pasta fredda, insalate di riso, cannoli di Bresaola della Valtellina Igp, ricca di proteine ad alto valore biologico e povera di grassi, come consiglia il nutrizionista Michelangelo Giampietro, docente nella Scuola dello Sport Coni a Roma. Ma anche spiedini di pollo, sformati di verdure, frittatine già tagliate e torte salate. La dieta migliore in spiaggia? «La soluzione è quella di consumare pasti con porzioni più piccole, preparati con cibi freschi e leggeri e fare spuntini più frequenti con frutta di stagione oppure centrifugati di frutta, verdura ed erbe aromatiche fresche particolarmente ricche di acqua, minerali e vitamine. A seguire, si può aggiungere una bresaola per mantenere la linea senza rinunciare al gusto». Quanto alla preparazione, i piatti si «lavorano» a casa per poi conservarli in frigorifero, trasportandoli in una borsa termica. Il nutrizionista consiglia di evitare alimenti che richiedono aggiunta di sughi, salse e condimenti vari: oltre al fatto che possono cadere dal piatto e sporcare, causano sonnolenza e digestione lunga e non permettono al mare o al lago di fare il bagno in tempi brevi. Praticità, inoltre, è la parola chiave anche per il come mangiare: quindi niente coltelli ma solo forchette. Altro consiglio utile, cercare di lasciare meno tracce possibile per evitare di attirare insetti: no a pietanze troppo speziate o fritte, così come bandire le preparazioni a base di pesce, formaggi stagionati o uovo sodo. Attenzione anche agli allestimenti, bandendo tende e costruzioni improvvisate, così come fornelli da campeggio, scaldavivande, zuppiere e tinozze. Sì, invece, a contenitori informali e colorati, meglio una sola borsa frigo che due. E i contenitori? Se non adatti, rischiano di alterare sapori e consistenze; via libera ad acciaio e vetro per frutta, frittate, insalate di verdure o di pasta; no all’acciaio nel caso di cibi molto acidi o con tanto limone e alla pellicola per avvolgere alimenti ancora caldi o unti. Mare, lago, fiume, boschi e prati, infine, sono dei beni pubblici da proteggere: questo significa non lasciare mai rifiuti in giro. Non dimenticare di portare con sé i sacchetti per lasciare il posto come lo si è trovato. •

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua