23 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

30.03.2018

Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua

Ispirazione e creatività per decorare le uova artigianali. MARCHIORI
Ispirazione e creatività per decorare le uova artigianali. MARCHIORI

C’ è chi lo sceglie perché desidera un cioccolato sopraffino. Chi vuole un modo originale per chiedere la mano alla ragazza e nasconde all’interno un bigliettino con la dichiarazione. Chi invece, al posto della sorpresa, ha inserito un bracciale prezioso per stupire la moglie senza immaginare che lei (racconta un pasticciere) avrebbe regalato quell’uovo alla domestica. Qualsiasi sia il motivo, il successo dell’uovo di Pasqua artigianale non si placa. Parola di Daniela Bellini, con Diego Venturi titolare della pasticceria Perlini di Borgo Santa Croce, dove questa produzione all’insegna della manualità è di casa da anni. E dove in questi giorni gli ordini sono tantissimi.

FONDENTE SUPERSTAR. «Il più richiesto è il fondente, che piace il doppio rispetto a quello al latte. La qualità è impareggiabile, utilizziamo solo i migliori cioccolati belgi come il Callebaut o il francese Valhrona, ma anche l’italianissimo Luisa di Perugina, che ha un ottimo equilibrio», spiega Bellini, nonostante il diktat dell’ultima moda, quella dei cioccolati realizzati con una percentuale altissima di cacao, addirittura fino al 99 per cento. «Secondo noi sono fin troppo amari. Il Luisa invece, al 56 per cento, ha un sapore unico». La qualità, poi. «Garantita dagli ingredienti e dall’assenza di conservanti (solo la naturalissima lecitina di soia, ndr), è superiore a quella delle uova industriali delle migliori marche, che in realtà, quanto a prezzo, non si discostano poi così tanto: le nostre uova - per realizzarne una ci vogliono anche 3-4 ore - vanno dai 90 ai 120 euro al chilo, quelle industriali costano anche 85», aggiunge Bellini. «E in più le nostre sono personalizzabili».

SORPRESA SU MISURA. Innanzitutto nella sorpresa: quando non ci si accontenti dei regali proposti, basta consegnare l’oggetto prescelto in pasticceria, dove verrà avvolto in apposite confezioni per alimenti e inserito nel guscio «Dopo aver temperato il cioccolato e portato a 30 gradi, la temperatura di lavorazione, questo viene infatti colato negli stampi. Dopo l’assemblaggio delle due “valve“, tocca alla creatività del decoratore e del confezionatore».

«ORO» E CORALLI SUL GUSCIO. Ed ecco che sul guscio compaiono foglie di oro alimentare oppure un ramo di fiori di pesco, margherite e api realizzate in pasta di zucchero. Quando dall’interno dell’uovo non fanno capolino pesciolini e polipi, circondati da conchiglie e coralli. In altri casi uova di diverse dimensioni, assemblate, diventano ora un aereo, ora un panda, ora un orsetto. «Il tutto confezionato con fiori e tessuti ricercati: quest’anno abbiamo lanciato la tendenza beige e lavanda. E con l’etichettatura imposta dalla normativa, siamo tenuti a indicare ingredienti, grammatura, conservanti, allergeni. La sicurezza, quella sì, è come quella industriale». • E.PAS.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
La tristezza
si combatte
con un infuso
La tisana ideale
per ognuno? Ecco
la «top five» degli infusi
Surgelati e congelati
Tutte le fake news
e i falsi miti
I trend del 2019
sulle nostre tavole?
Una cucina «pacifica»
Light e casalinghi
I dolci "amici"
della silhouette
Non solo tè delle 5
Ora spopola
il “wonderful time”
Operazione riciclo
Nuova vita al cibo
avanzato a Natale
«Inventare ricette
di riciclo per non
sprecare gli alimenti»
Pranzo di Natale
Lo chef: «Gli errori
da non commettere»
Meglio pandoro
o panettone?
È derby di Natale
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua