Seguici... Facebook Twitter Google+ Feed RSS
10 dicembre 2018

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Prodotti & Mercato

26.11.2018

Ferron, il «gigante» del Vialone Nano

Gabriele Ferron mentre cucina un risotto
Gabriele Ferron mentre cucina un risotto

Inseparabili. Gli occhi si illuminano quando Gabriele Ferron racconta il suo amore per il riso e per l’antica pila, un idillio che proviene da lontano. «La “pila vecia“ esiste dal 1650, legata alla terra e alle famiglie che ci hanno lavorato. Sono innamorato di questo luogo. Il cigolio del catenaccio della porta di legno della pila mi riporta indietro nel tempo. L’area interna è rimasta pressoché intatta, con gli ingranaggi collegati alla ruota a pale azionata dalla cascata d’acqua, che fa funzionare con movimento ritmico i 9 pestelli», commenta Gabriele. LA STORIA. «Si narra che un certo Domenico Cristato, latifondista del tempo, il 26 aprile del 1644 avesse inoltrato alla Serenissima Repubblica di Venezia la richiesta di costruzione della pila, di cui divennero poi possidenti i conti Zenobrio. Il testimone passò nelle mani della famiglia Zecchetto, la cui figlia andò in moglie a mio nonno Marcello che, in virtù dello sposalizio, divenne il nuovo proprietario della pila», spiega Ferron. «Ho incominciato a muovere i primi passi nelle risaie fin da bambino, quando i miei genitori mi portavano in questo luogo. Al tempo si confezionava il riso in sacchi da 50 chili, mentre i pacchia chilo si riempivano a mano con la cosiddetta “sessola“», prosegue. «Mio nonno è stato una guida: mi ha insegnato tantissimo, soprattutto a conoscere il riso. In autunno mi portava sul “selese“ in campagna. Lui montava una bici enorme e pesante, mentre io, con la mia biciclettina, facevo almeno dieci pedalate in più per stargli dietro. Arrivavamo in località Vo’, a pochi chilometri da qui, verso sera, quando gli agricoltori ammucchiavano il riso per ripararlo dall’umidità. Dicevano, rivolgendosi al nonno: «Piloto, vien qui da mi che el me riso l’è mejo de tuti!». Ero quasi intimidito, ma me ne stavo in silenzio», confessa Gabriele. «Volevo imparare. Il nonno infilava le sue mani grandi come una pala nel mucchio e, sfregandole l’una contro l’altra, grattava i risoni per decorticarli, rimanendo poi a osservarli. A un certo punto, ne assaggiava uno per valutarne il buon grado di essiccazione. Ripeteva il rituale al cospetto di tutti gli agricoltori e poi decideva quale riso acquistare. Le trattative erano entusiasmanti. Quando si arrivava a chiudere la partita, nonno Marcello e l’agricoltore firmavano un contratto: si sputavano vicendevolmente sui palmi delle mani per poi stringerli con fragore, sigillando un patto d’onore indissolubile», rammenta Gabriele. LA CUCINA E GLI USA. E prosegue: «La domenica noi tutti andavamo a messa, mentre il nonno rimaneva a casa: preparava il brodo con le verdure e il pollame del luogo, il bollito con la pearà e l’immancabile risotto con il tastasal. Grazie a lui e a un suo caro amico, il Cavalier Pietro Secchiati, imparai a cucinare. Avevo 25 anni quando feci le mie prime degustazioni, memore degli insegnamenti ricevuti», continua Gabriele. «A un certo punto, iniziò la mia avventura. Un giorno mi contattò una giornalista americana, Maria Battaglia. La donna mi spronò a partire per gli Stati Uniti, invitandomi a tenere corsi di cucina. Sgranai gli occhi al pensiero di andare a Chicago», sorride. I GRANDI PROGETTI. «Mi disse che avremmo potuto realizzare grandi progetti. Mi convinse che avrei dovuto riscrivere le mie ricette, indicando le esatte grammature degli ingredienti. Mi ritrovai di fronte a una platea di cuochi navigati. Spiegai la tecnica di cottura imparata dal nonno Marcello: dopo aver assaggiato i miei risotti, mi fecero i complimenti. La mia perfomance li conquistò, mentre le mie ricette diventarono di proprietà della giornalista, la quale pensò bene di registrarne il copyright a suo nome. Fu una delusione, ma quell’esperienza si tramutò in una grande occasione», ammette Ferron. «Iniziai a viaggiare per il mondo, dalla Cina al Giappone, alla Thailandia e in tutta Europa, dove tuttora mi reco per vendere il mio riso e diffondere la mia tecnica di cottura». «I passaggi generazionali sono avvenuti in modo spontaneo. Sia io che mio fratello Maurizio abbiamo sempre amato questo mestiere, così come lo amarono i nostri avi. Ora abbiamo figli e nipoti che proseguono l’attività di pilatura: è scritto nel nostro Dna», afferma Gabriele. RISO E TERRITORIO. «La nostra area comprende 24 comuni. In quanto a qualità abbiamo una marcia in più che ci viene riconosciuta anche dai vercellesi. Contiamo sulla presenza di acque di risorgive purissime che sommergono i nostri terreni di medio impasto e grana sabbiosa coltivati in rotazione», spiega Ferron. «La risaia non può insistere sullo stesso appezzamento, così, dopo tre anni, rimane a riposo per 24 mesi. Il terreno si reintegra. Questa tecnica fa sì che il riso abbia caratteristiche straordinarie». E conclude: «Mi hanno definito Ambasciatore del riso italiano nel mondo, ma io mi reputo un umile servitore di questo cerale che conosco dalla maturazione fino alla pilatura e alla cottura. Non porto mai con me soltanto riso, ma anche olio extravergine d’oliva, formaggi e altri prodotti italiani. Sono orgoglioso di portare questa bandiera, rappresentando l’Italia con una delle più genuine ricchezze della sua terra». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Cristina Caccia
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1
Articoli
Rosso, stagionato,
verde o fermentato
Un rito fai da... tè
Calamaro d'inverno
Quello all'istriana
è piatto di Natale
La pearà "della nonna"?
«Cuocere tanto
e mescolare poco»
Il bello del bollito?
Tagli diversi
in equilibrio
Funghi "stellati"
Sempre più
apprezzati dagli chef
Il futuro è servito
ai giovani
con gli chef 2.0
Castagne, di nuovo
alla ribalta dopo
il rischio estinzione
Le caldarroste
perfette si preparano
anche nel forno
Chi la intaglia
per Halloween
e chi ci fa la birra
La pasta? "Buona
perché nutriente,
ecologica e solidale"
Sapori d’autunno
I 12 cibi alleati
del buonumore
Happy hour nipponico
In Italia è febbre
da Izakaya
Il cibo del cuore
Tra i primi ricordi
c'è un piatto di pasta
«Nemico» fragrante
La crosta del pane
fa invecchiare
Brindisi ai Top 100
con la Guida dei vini
firmata L’Arena
Basta abbuffate
agli happy hour
Boom dell'aperilight
Perbellini a 5 stelle
Lo chef apre
in Medio Oriente
Pret à manger
In Italia è boom
del cibo pronto
Ordinare "veg"
non è virile
L'uomo lo evita
Degustazioni
e storie in rosa
Il vino al femminile
Pesce senza bugie
Il vademecum
anti-bufale
Fornelli, addio!
La cucina fire-free
fa proseliti
Scuola di sommelier
Al via sei corsi
a Verona e provincia
Grigliata perfetta?
"Carne fuori frigo
e olio all'inizio"
Prosciutto&melone
"stella" in tavola
Ippocrate docet
Il pic-nic?
Bon ton. Ecco
il suo "galateo"
"Guten appetit!"
La Germania a tavola
che non ti aspetti
Patate, wurstel
e crauti: varianti
dei piatti del cuore
Cibo tracciabile
Un Qr code
scongiura le frodi
Pizza fai da te?
"Attenzione a tempi
e ingredienti"
Stop a latte e uova
Per coni e coppette
è boom del vegano
«Oscar» del vino
Premiato il top
dell'enoturismo
Brioche un corno
Come riconoscere
il vero croissant
Vini veronesi sul podio a Merano con gli Amarone Masi e Ferragù
Dal “foraging”
ai fermentati
Cucina no limits
I vini meno noti?
Raccontati
in una “scatola”
Boom dai campi
ai negozi: Italia
patria del bio
Pesce e pollo,
la svolta bio
«Sani e di qualità»
Scorpacciata
di tintarella?
I cibi abbronzanti
Non solo maionese
Anche carne e ortaggi
sorvegliati speciali
Pasta, cucinarla
a fuoco spento
è più salutare
Pasta, annata
e provenienza
fanno la differenza
«No alla plastica,
sì al buio». Così
si conserva l’olio
Eventi in vigna
Un weekend
di Cantine Aperte
Turisti stranieri
Nessun veronese
tra i vini preferiti
Ristoranti tipici,
la "rete" debutta
con l'asparago
Sempre più glamour
e social, imperversa
la pic-nic mania
«Spicchi» e campioni
Verona è (seconda)
capitale della pizza
Bardolino,
un intero borgo
per i turisti «slow»
Crudo e bio
«La ri-evoluzione
del cioccolato»
Il piccione dello chef
Buffo fa volare
il «12 Apostoli»
Fondente o no,
è l'ora degli artisti
nell'uovo di Pasqua