17 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Economia

03.09.2013

Vendemmia 2013 in crescita Mercati esteri verso il boom

Assoenologi stima in 44-45  milioni di ettolitri la vendemmia 2013
Assoenologi stima in 44-45 milioni di ettolitri la vendemmia 2013

Sarà una vendemmia più abbondante di quella dello scorso anno e di qualità nonostante l'andamento stagionale molto piovoso. Sono concordi, anche se con valori leggermenti deiversi, gli operatori e le organizzazioni che a vario titolo seguono l'andamento della campagna vitivinicola. Le stime di Assoenologi (l'associazione di categoria dei tecnici del vino) parlano di una produzione 2013 a 44-45 milioni di ettolitri di vino e mosti, un quantitativo superiore dell'8% a quello del 2012 che fece registrare una produzione di 41,1 milioni di ettolitri (dato Istat non definitivo).  Ad oggi, rileva Assoenologi, è stato raccolto meno del 10% dell'uva da vino italiana. Complessivamente la qualità risulta più che buona e pertanto si prevedono vini di interessante profilo. Il pieno dei conferimenti è previsto nell'ultima settimana di settembre/primi di ottobre, ritardata di 7-10 giorni al Sud e di 10/15 giorni al Nord rispetto alle ultime due campagne. IL MERCATO. Sul fronte del mercato, rileva il direttore generale di Assoenologi Giuseppe Martelli, «le contrattazioni di uve, mosti e vini della vendemmia 2013 sono appena iniziate. Lo scorso anno, a causa della carenza di materia prima, i prezzi erano lievitati con punte anche del 30% per le uve e per i vini maggiormente richiesti. Attualmente il mercato all'ingrosso è stazionario in diverse regioni italiane con quotazioni simili a quelle fatte registrare nel medesimo periodo del 2012». In settimana intanto verranno presentate anche le previsioni vendemmiali territoriali di Veneto Agricoltura, domani a Legnaro in provincia di Padova e giovedì quella di Assoenolgi Veneto Occidentale a Soave, a Borgo Rocca Svena alle 17,30, per le provincie di Verona e di Vicenza. Anche nella nostra regione, rileva Veneto Agricoltura, la vendemmia è in ritardo di una decina di giorni rispetto allo scorso anno. ESPORTAZIONI. Intanto la Coldiretti rileva che le esportazioni di vino Made in Italy aumentano a inizio 2013 in valore del 10% e volano verso il record storico di 5 miliardi delle spedizioni all'estero qualora l'attuale trend di crescita sarà mantenuto alla fine dell'anno.  È quanto emerge da una analisi dell'organizzazione agricola sulla base dei dati Istat sul commercio estero relativo al primo quadrimestre del 2013 mentre è in corso la vendemmia giudicata di qualità più che buona, con una produzione dai 42 ai 44,5 milioni di ettolitri previsti da Assoenologi.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1