16 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Economia

24.12.2013

Uteco in crescita si amplia e assume

Il cantiere del terzo stabilimento di Uteco Converting a Colognola ai Colli
Il cantiere del terzo stabilimento di Uteco Converting a Colognola ai Colli

Un nuovo stabilimento in costruzione, pronto già a metà 2014: sarà il terzo a Colognola ai Colli e porterà nuove assunzioni. L'approccio con nuovi mercati dei Paesi emergenti. E un 2013 che si chiude superando le previsioni, con un giro d'affari di un centinaio di milioni.
Uteco Converting spa, leader mondiale nella produzione di macchine da stampa e trasformazione per il settore dell'imballaggio e del packaging alimentare non conosce la crisi, progetta nuovi prodotti e prosegue la sua politica di internazionalizzazione spinta, con l'85% circa del volume d'affari generato all'estero.
«Ma la ricerca e la produzione restano a Verona», chiarisce Simone Quinto, amministratore delegato, responsabile finanziario (Cfo) e vicepresidente Uteco Nord America, «Accanto ai due stabilimenti già operativi a metà del prossimo anno sarà inaugurato un terzo insediamento produttivo da 7mila metri quadri, che ha richiesto un investimento di oltre 5 milioni di euro. Il 2013 è stato un anno critico per i carichi di lavoro. Per rispondere agli ordinativi abbiamo dovuto stoccare le macchine per la produzione in magazzini esterni».
Verso l'estate quindi il problema si risolverà e l'impresa potrà anche dare il via a nuove assunzioni. «Difficile quantificare già ora. Attualmente contiamo 250 addetti più una cinquantina di interinali. Gli ingegneri impiegati in ricerca e progettazione sono oltre sessanta. Negli ultimi anni abbiamo puntato anche a potenziare il commerciale, aumentando il numero degli area managers per servire nuovi mercati», prosegue.
Dopo la partnership, avviata nel 2009, con Kohli Industries di Mumbay, per l'avvio di una start up indiana focalizzata sulla produzione di macchine per il packaging alimentare a tecnologia rotocalco, ancora molto diffuse in Oriente, quest'anno Uteco ha ulteriormente ampliato i propri orizzonti rispetto ai mercati storici europei e americani in Asia e Africa. Un esempio recente è la Tanzania con la fornitura di una stampatrice flessografica (il Gruppo con sede nel Veronese è leader mondiale nella tecnologia flexo, ndr) alla Omar Packaging Industries, una delle 19 aziende sotto l'ombrello societario del Gruppo Bakhresa di Dar es Salaam, raggruppamento industriale premier nel Paese.
«Si tratta di una prima commessa che ci apre la possibilità di penetrare i mercati dell'Africa centrale, continente dove sono siamo già presenti con numerose apparecchiature del nostro marchio installate in Sud Africa», evidenzia Aldo Peretti, responsabile globale dell'impresa, Ceo del gruppo e presidente di Uteco Nord America. Il Gruppo, dalla seconda metà degli anni Novanta, ha anche una sede ad Atlanta, per assicurare a tutta la clientela nordamericana supporto tecnologico, un magazzino ricambi e un'area dedicata alla dimostrazione dei macchinari.
Intanto, anche il giro d'affari cresce. «Già nel 2013 abbiamo raggiunto i 100 milioni, traguardo che ci eravamo riproposti di tagliare entro il 2014», illustra Quinto. Uno sviluppo possibile grazie agli investimenti in ricerca, finalizzati a sbaragliare la concorrenza sia nella tecnologia flexo, diffusa in Occidente che rotocalco, ancora molto richiesta in Asia e Sud America. «A questo proposito è in fase avanzata un progetto di macchina rotocalco ad alta velocità con caratteristiche innovative per rendere il nostro prodotto sempre più attraente verso quei clienti che ancora producono con questa tecnologia; in parallelo, stiamo sviluppando anche soluzioni innovative in settori applicativi speciali quali la security, il tissue, l'aerospace, l'elettronica stampata», conclude.

Valeria Zanetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1