20 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Economia

17.07.2013

Müller si rafforza in Italia: «Pronti a fare acquisizioni»

Manfred Weiss (dg Müller Italia) e l'ad Heiner Kamps FOTO MARCHIORI
Manfred Weiss (dg Müller Italia) e l'ad Heiner Kamps FOTO MARCHIORI

Il gruppo Müller, specializzato nella produzione di yogurt e di derivati del latte, è pronto a fare acquisti in Italia. La notizia l'ha comunicata ieri l'amministratore delegato della multinazionale tedesca, Heiner Kamps, arrivato a Verona per l'inaugurazione della nuova sede della filiale italiana, in viale delle Nazioni, 2/c. Una presenza ormai consolidata sul territorio scaligero - Müller aprì i suoi uffici veronesi nel 1995 – e che presto potrebbe espandersi ulteriormente. «Il nostro gruppo continua a investire anche in un momento in cui la situazione economica non è così positiva, ma l'Italia per noi è un mercato importante e, pertanto, vogliamo rafforzare ancor più la nostra posizione», ha spiegato Kamps. «Il nostro obiettivo è crescere in modo organico, com'è avvenuto in altri Paesi: se ci fosse la possibilità di acquisire qualche azienda del settore lattiero caseario, saremmo interessati. Ovviamente ciò renderebbe necessaria la creazione di un polo produttivo legato a questa nuova impresa, ma la sede centrale di Müller Italia resterebbe comunque Verona». Kamps non si è sbilanciato, ma ha fatto capire che un'idea su qualche potenziale acquisizione c'è già. L'evento clou della giornata è stata, però, l'inaugurazione della nuova sede: 1.300 metri quadri di uffici, in cui da oggi opereranno i 60 dipendenti della filiale italiana, attivi soprattutto sul fronte commerciale. Un investimento di quasi due milioni di euro, che il direttore generale di Müller Italia Manfred Weiss ha commentato così. «L'apertura di questa nuova sede si è resa necessaria a causa della ristrettezza degli spazi nei vecchi uffici di via Francia», ha affermato Weiss. «Dal 1995, in soli 20 anni, siamo diventati il primo brand nel mercato dello yogurt tradizionale e il secondo nel mercato complessivo dello yogurt: oggi il 90% degli italiani conoscono Müller e lo slogan “Fate l'amore con il sapore”». Ogni giorno in Italia viene consumato un milione di vasetti Müller: il fatturato supera i 100 milioni di euro, con una crescita media del 2,3%. «Questo nuovo investimento porta una ventata di ottimismo per lo sviluppo del territorio: Müller è un grande gruppo tedesco, ad alto tasso d'innovazione, e la sua presenza testimonia la bontà dei rapporti tra Verona e la Germania», ha affermato Giulio Pedrollo, presidente di Confindustria. «Nella nostra provincia hanno sede 80 multinazionali, a dimostrazione che Verona è in grado di accogliere i progetti internazionali, ma non dobbiamo sederci sugli allori: è necessario migliorare infrastrutture e servizi per favorire queste imprese, perché ci sono altri territori che stanno affilando le armi per competere e rubarci questo primato». Presente anche il sindaco Flavio Tosi, che ha ringraziato i vertici di Müller per il loro impegno: «La Baviera è una terra di grandi imprenditori, come Verona, ed è per questo che da anni siamo gemellati con Monaco, a cui ci unisce un forte legame sociale ed economico». Prima di concludere con Martin Gumpp, capo progetto della nuova sede, la parola è andata al console per i rapporti con la Germania Peter von Wesendonk: «Ci rende fieri vedere che la Germania non esporta solo auto e macchinari, ma sa eccellere anche nel settore alimentare, e in particolare in Italia, dove la qualità richiesta è elevata». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Manuela Trevisani
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1