19 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Economia

09.08.2013

La Clever vince i campionati e la sfida sui mercati esteri

Chiara Cainero martedì ha vinto due ori sparando cartucce Clever
Chiara Cainero martedì ha vinto due ori sparando cartucce Clever

Il nome Clever da vent'anni fa il giro del mondo, grazie ai campioni di tiro a volo sponsorizzati da quest'azienda di Montorio Veronese. Nata nel '52 come produttrice di cartucce da caccia, la Clever ha spostato negli anni il suo core business verso il campo delle munizioni: «Abbiamo dovuto concentrarci verso un altro ambito, perché la caccia è sempre meno praticata e ora rappresenta solo il 15% della nostra produzione. Tutto il resto sono munizioni ad uso sportivo», spiega Alberto Chiampan, alla guida dell'azienda di famiglia. La specializzazione in questa nicchia di mercato è andata di pari passo con la sponsorizzazione di atleti di tutto il mondo, che per la Clever rappresenta da vent'anni a questa parte la migliore forma di pubblicità. «Abbiamo sotto contratto cinquanta tiratori, i migliori dai cinque continenti», racconta Chiampan, «e possiamo vantare un palmares incredibile. L'ultimo successo in ordine di tempo risale a pochi giorni fa, con la nostra Chiara Cainero che ha vinto due ori in un giorno agli Europei. E il merito è anche delle nostre munizioni, la cui qualità è riconosciuta in tutto il mondo: non a caso diversi campioni hanno lasciato altre aziende per la nostra».  Un risultato ottenuto con continui e importanti investimenti in innovazione e tecnologie, spiega il presidente Alberto Chiampan, «allo scopo di ottenere prodotti all'avanguardia. Senza questi investimenti non avremmo superato i concorrenti stranieri, che sono vere e proprie multinazioni, decisamente più grandi della nostra realtà». Clever conta infatti 22 dipendenti, tutti operativi nella sede di Montorio Veronese, dove si trova la sede amministrativa, l'ufficio ricerche e anche la produzione. «Specializzandoci in un prodotto di nicchia abbiamo ottenuto importanti risultati in tutto il mondo», sottolinea Chiampan. Lo scorso anno l'azienda ha registrato un fatturato di 12milioni di euro, e già nel primo semestre del 2013 è stato registrato un +5%. Un risultato ottenuto soprattutto grazie all'export: «Vendiamo all'estero l'85% di quello che produciamo», spiega il titolare, «e quest'anno puntiamo a raggiungere il 90%. Chiaramente la sponsorizzazione dei maggiori tiratori del mondo ci apre le porte dei mercati esteri e giustifica quindi l'importante investimento: il 5% del nostro fatturato. I margini di crescita ci sono: il tiro a volo può essere praticato a tutte le età e l'esercizio di questo sport si sta allargando. Noi investiamo e lavoriamo per essere sempre in prima fila. Perché al momento una cosa è sicura», conclude Chiampan, «a Verona si producono le migliori munizioni del mondo».

Francesca Lorandi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1