21 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Curiosità

18.09.2012

Kate in topless
La Procura:
restituire
le foto ai Reali

La copertina scandalo del Closer
La copertina scandalo del Closer

Tutti le foto a seno nudo di Kate Middleton dovranno essere consegnate alla famiglia reale britannica entro 24 ore: è quanto stabilisce la sentenza dei giudici di Nanterre, alle porte di Parigi, nel processo per direttissima contro il settimanale Closer, secondo quanto si legge sul sito della Bbc. Dopo la denuncia penale presentata ieri dalla famiglia reale inglese, in Francia era stata aperta un’indagine preliminare sulla vicenda delle foto di Kate Middleton, moglie del principe William, in topless, pubblicate dal magazine scandalistico Closer. La giustizia
francese ha quindi anche vietato la cessione e ogni nuova diffusione delle foto a seno nudo della duchessa Kate, moglie del
principe William. Gli scatti erano stati pubblicati dal
magazine Closer del gruppo Mondadori France venerdì scorso.
Il tribunale non si è invece espresso sulla possibile
ristampa del giornale in quanto «non è nei suoi poteri».


Intanto il direttore dell’Irish Daily Star, il giornale irlandese che sabato scorso ha ripreso alcune pagine del magazine francese Closer con le foto di Kate Middleton in topless, Š stato licenziato. Dopo l’immediata condanna da parte dei proprietari del giornale - il gruppo britannico Norhtern and la Shell e l’Irish Independent News and Media - della decisione della rivista di pubblicare gli scatti, l’editore ha annunciato la decisione di licenziare il direttore «con effetto immediato» e in attesa di un’indagine interna sulla ripresa delle foto pubblicate da Closer.
L’annuncio del licenziamento arriva dopo la decisione di William e Kate di intentare una causa contro la rivista francese. La coppia ha chiesto il divieto di vendita o ripubblicazione delle foto.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1