19 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Curiosità

18.10.2012

Il computer
trasforma
il pacemaker
in un «killer»

Un pacemaker
Un pacemaker

Roma. Con un semplice laptop è possibile trasformare un pacemaker o un defibrillatore impiantabile in una vera e propria arma capace di infliggere una scarica mortale a chi lo porta. Lo ha dimostrato l’esperto dell’azienda di sicurezza IoActive Barnaby Jack durante la conferenza Breakpoint in corso a Melbourne.
L’esperto ha sfruttato un errore nel software dei dispositivi, le cui ultime versioni possono essere riprogrammate a distanza tramite wireless, per carpirne il numero di serie e il modello, che poi ha utilizzato per cambiare le loro impostazioni in modo da far dare loro una scossa da 830 volt, sufficiente a fermare il cuore. Il tutto, ha spiegato Jack, può essere fatto con un portatile da circa 20 metri di distanza: «Ci sono anche altri problemi - ha spiegato il programmatore alla rivista Computerworld - ad esempio il fatto che il software di questi dispositivi contenga spesso dati personali, come il nome del medico, che si possono visualizzare facilmente. Inoltre il programma ha diverse "backdoor", cioè parti di codice nascoste da cui è possibile introdursi nel sistema prendendone il controllo».
In teoria secondo l’esperto sarebbe possibile inserire un virus nei server delle case costruttrici per colpire migliaia di dispositivi simultaneamente. Jack, che ha già inviato copie del suo lavoro alle aziende costruttrici, sta lavorando anche ad una app chiamata «Electric Feel», attraverso cui è possibile fare uno scan di tutti i dispositivi medici «hackerabili» nelle vicinanze. Il problema, affermano alcuni esperti in un editoriale sulla rivista del Mit «Technology Review», non riguarda solo i dispositivi impiantabili: tutti gli strumenti medici comandati da un software, soprattutto se su computer connessi alla rete, sono a rischio sempre maggiore di incursioni perchè non prevedono misure di sicurezza informatica.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1