16 febbraio 2019

Aree Tematiche

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

Curiosità

08.01.2013

Il «chilo
standard»
ha... preso
un po’ di peso

Il chilogrammo standard
Il chilogrammo standard

Il chilogrammo ufficiale e le sue copie, usate per standardizzare le misure, sono «ingrassati», a causa dello smog. Ricercatori britannici dell’università di Newcastle hanno mostrato che sia il prototipo del chilogrammo, ossia l’International Prototype Kilogram (Ipk), sia le 40 copie presenti nei centri di pesi e misura di tutto il mondo sono fino a decine di microgrammi più pesanti di quanto pensato finora.
Usando una macchina chiamata spettroscopia fotoelettronica a raggi X (Xps), i ricercatori hanno visto che il chilogrammo pesa più rispetto alla misura standard fatta nel 1875 a causa dell’accumulo di inquinanti, come i prodotti della combustione degli idrocarburi, sulla sua superficie. Il chilogrammo ufficiale è lo standard rispetto al quale sono impostate tutte le altre misure che indicano il peso. È conservato presso l’Ufficio Internazionale dei Pesi e delle Misure di Parigi ma ne esistono 40 repliche fatte nel 1884 e distribuite in tutto il mondo al fine di avere una misura standard di riferimento per il peso.
«Non importa quanto pesi l’Ipk fino a quando lavoriamo tutti sullo stesso standard: il problema è che ci sono lievi differenze in tutto il mondo, fra l’Ipk e le sue 40 repliche e sono tutte in crescita a tassi diversi, divergenti dall’originale» osserva Peter Cumpson, che ha coordinato la ricerca pubblicata sulla rivista Metrologia. «Stiamo parlando - aggiunge l’esperto - di un cambiamento molto piccolo, pari a meno di 100 microgrammi, ma il peso è una unità fondamentale che anche questo cambiamento molto piccolo è significativo se si considera che ci sono scambi internazionali su materiali di alto valore dove conta ogni microgrammo».
Secondo i ricercatori per far tornare in «forma» il chilogrammo e le sue copie potrebbe essere efficace una leggera «abbronzatura», «esponendone la superficie - rileva Cumpson - a una miscela di raggi ultravioletti ed ozono potremmo rimuovere le contaminazioni e potenzialmente riportare il prototipo del chilogrammo al suo peso standard».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1