giovedì, 28 luglio 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

16.05.2012

Frana di Senge, sindaco pronto
a coinvolgere anche il prefetto

Uno dei sopralluoghi effettuati alla frana di Senge ad Alcenago
Uno dei sopralluoghi effettuati alla frana di Senge ad Alcenago
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Grezzana. La frana di Senge è sempre più un problema, e non solo per Grezzana. Molto preoccupato il sindaco Mauro Fiorentini: la strada comunale che sale alla frazione e i rischi per l'incolumità dei cittadini sono al centro dei suoi pensieri: «La questione non è di facile soluzione. La nuova viabilità va realizzata con urgenza fuori dalla zona in movimento, interessata dalla cava Rie Lunghe, sia per sollevare dai disagi gli abitanti di Senge, sia per la sicurezza dei cittadini che percorrono strade dichiarate dagli esperti non del tutto sicure». Il primo cittadino, assillato dalla mancanza delle risorse finanziarie e dai tempi lunghi per la nuova strada annuncia: «In questi giorni, metteremo a punto un'ordinanza di protezione civile e chiederemo un incontro con il prefetto Perla Stancari. Nel frattempo raccomando ai residenti di Senge, e a tutti coloro i quali utilizzano la strada “rossa” e quella comunale, la massima cautela e tanto buon senso (e cioè moderare la velocità dei veicoli, ndr) e il rispetto assoluto dei punti di riferimento topografici presenti sui bordi della strada. Infine, invito tutti a segnalare eventuali nuove anomalie che si dovessero riscontrare lungo il tracciato». Lo sprofondamento del terreno sul versante di Alcenago, avvenuto nella notte dello scorso 2 ottobre, ha tagliato in due tronconi la strada provinciale 12a «di Fiamene»; poi, il 13 novembre, l'assestamento ha provocato fessurazioni, longitudinali anche sulla strada comunale. Infine, le scosse sismiche del 24 gennaio e le abbondanti piogge di aprile hanno contribuito ad ampliare il dissesto idrogeologico. E lo scalino sulla provinciale, causato dallo sprofondamento del terreno, inizialmente alto 60 centimetri, oggi sembra decisamente aumentato, così come le fessurazioni ai bordi della strada comunale e sui terreni sottostanti, interessati dalla cava Rie Lunghe. Ieri in Provincia il sindaco Fiorentini, con gli assessori Gianluca Benato e Michele Colantoni e il responsabile degli uffici tecnici comunali, Claudio Puttini, ha incontrato il presidente Giovanni Miozzi e l'assessore alla protezione civile Giuliano Zigiotto per concordare una serie di interventi mirati a trovare una soluzione per la nuova viabilità. Tutto questo, anche alla luce dei risultati e delle indicazioni, scritte nella perizia dell'ingegner Nicola Casagli, docente del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze, commissionata dalla Provincia e pervenuta a fine aprile. L'assessore Zigiotto, che lo scorso 11 maggio ha visitato la zona dissestata, a margine della riunione, ha spiegato: «Questo incontro è stato importante, perché la frana di Alcenago-Grezzana ha bisogno di una soluzione rapida. Ci sono questioni legate all'incolumità e all'igiene pubblica ed occorre garantire il passaggio dei mezzi della raccolta dei rifiuti e di eventuali ambulanze», ma anche quello dello scuolabus, tanto atteso a Senge. Ci sono poi gli autoveicoli diretti in Valpolicella (soprattutto Negrar per l'ospedale e Sant'Anna d'Alfaedo per le attività produttive), che percorrono la strada “rossa” e quella comunale per ricollegarsi alla provinciale 12a di Fiamene. Zigiotto ha precisato: «La Provincia dovrà individuare tecnicamente il tracciato di un'altra strada, ma soprattutto dovrà reperire le risorse. Disponiamo solo di 300mila euro stanziati dalla Regione. Contemporaneamente proseguono le nostre azioni per l'accertamento delle responsabilità attraverso la perizia che abbiamo disposto».

Alessandra Scolari
Suggerimenti

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Twitter

Facebook

Sport

Sondaggio

Con quale ruolo vedresti Luca Toni nell’Hellas del futuro?
Luca Toni
ok