venerdì, 12 febbraio 2016
CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

12.09.2012

Code addio: in arrivo il casello
autostradale di Castelnuovo

Automobili in coda sulla strada Gardesana tra Peschiera e Lazise
Automobili in coda sulla strada Gardesana tra Peschiera e Lazise
  • Aumenta
  • Diminuisci
  • Stampa
  • Invia
  • Commenta

Castelnuovo. Il casello autostradale di Castelnuovo del Garda si farà. «Società Autostrade» ha inserito l'infrastruttura nel suo piano triennale 2012-2015 che è adesso a Roma in attesa dell'ultima firma da parte di Anas. Un ultimo passaggio, dunque, per il quale «ci sono comunque tutti i presupposti» dice il presidente della Provincia Giovanni Miozzi confermando la notizia del «recupero» del casello che nel 2010 era stato unilateralmente stralciato dalla Padova-Brescia. «Si tratta senz'altro di una scelta importante e che conferma l'attenzione di Società Autostrade nei confronti del territorio», continua il presidente. «Il casello risponde ad esigenze strategiche non solo per l'area gardesana ma per tutto il sistema Verona. Ora attendiamo solo l'ultima approvazione da parte di Anas ma i presupposti ci sono tutti e mi auguro che quest'ultimo tassello non si faccia attendere troppo». La cancellazione del casello castelnuovese da parte dell'autostrada era calata come una doccia fredda su sindaci e istituzioni del comprensorio gardesano e del suo entroterra e non solo.  Con poche righe «Società Autostrade» aveva comunicato al Comune di Castelnuovo che l'intervento non rientrava più nei suoi programmi futuri: una «sentenza» che confermava gli allora timori del sindaco Maurizio Bernardi preoccupato per le settimane di silenzio su un intervento non solo approvato e ufficialmente presentato nel 2003, ma anche già finanziato e il cui inizio lavori, previsto per il 2004, era stato fatto slittare prima al 2007 e poi al 2011. Immediata la protesta bypartisan levatasi da tutti gli esponenti politici veronesi contro la decisione presa dalla «Padova-Brescia» senza alcuna consultazione con enti e istituzioni locali. E con Bernardi a sottolineare la gravità di una decisione che condannava una vasta e significativa area del territorio al rischio di vedere vanificare tutta la programmazione urbanistica che negli anni aveva inevitabilmente tenuto conto del futuro casello; e il rischio cui veniva sottoposta una viabilità storicamente in sofferenza in un punto strategico per il sistema nord-est: «Il casello non serve solo a Castelnuovo ma a tutto il nostro distretto che è già saturo», le parole del sindaco. «Lo dimostrano gli avvisi di allerta che ci vengono puntualmente recapitati nei momenti e periodi critici e con il solo casello di Peschiera che è sottodimensionato per poter accogliere il carico viabilistico di oggi. Figuriamoci cosa accadrà in previsione delle infrastrutture che verranno: dalle tangenziali alla Tibre, al potenziamento dell'autostrada del Brennero. Per fare capire di cosa stiamo parlando basta prolungare il “rosso" al semaforo sulla regionale 11 della nostra frazione di Cavalcaselle: è più che sufficiente per fermare l'intero traffico delle direttrici Brescia-Padova e Modena-Brennero».  Su questo scenario era stato proprio il presidente della Provincia - entrato nel Cda di «Società Autostrade» poco dopo la cancellazione dell'infrastruttura - a farsi promotore del confronto con la stessa Società Autostrade e le realtà istituzionali locali. E nel dicembre 2011, partecipando a Castelnuovo all'incontro pubblico sul tema del casello dalla locale sezione del Partito democratico, aveva detto «sappiamo che il casello serve ma dopo mesi di lavoro alla ricerca di una soluzione credo che l'unica possibilità per riaverlo si presenterà nel 2013, nel momento della nuova verifica fra Anas e Società Autostrade». «Confermo, è un tema su cui mi sono sempre speso senza voler illudere nessuno e indicando le soluzioni che ritenevo possibili», dice Miozzi. «Ora spero che Roma chiuda nel più breve tempo possibile l'iter che sancisce il definitivo recupero del casello autostradale di Castelnuovo».

Giuditta Bolognesi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Multimedia

Twitter

Facebook

Sport

Cultura

Sondaggio

Chi vincerà il 66° Festival di Sanremo?
Chi vincerà il 66° Festival di Sanremo?
ok
Cultura
I colori dei Coleotteri nella mostra Superfici
Presso il Museo Civico di Storia Naturale di ...
Incontri
Raccontastorie
Appuntamento con la lettura ad alta voce per ...
Sport
28mo Campionato Invernale del Garda
La 28ª edizione del Campionato Invernale del ...